Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Fronteggiare la trombosi: Un impegno globale e locale”

Bergamo si mobilita con un evento informativo per sensibilizzare e combattere il 'killer silenzioso'"

In un mondo dove un quarto delle morti è attribuito alle complicazioni della trombosi, la lotta contro questo insidioso nemico di salute pubblica diventa sempre più centrale. Questa è la premessa con cui la dott.ssa Anna Falanga, leader di AIPA Bergamo e a capo della direzione scientifica della Fondazione Artet, ha presentato l’evento dedicato alla trombosi, in programma per sabato 18 novembre alle 16 presso il Teatro alle Grazie a Bergamo.

Aperto a tutti senza alcun costo, l’evento mira a sensibilizzare il pubblico sulla trombosi, promuovendo un dialogo approfondito e mostrando l’impatto di questo “killer silenzioso“.

La trombosi si verifica quando si forma un coagulo di sangue, chiamato trombo, che ostruisce un vaso sanguigno, provocando condizioni come ictus e infarto (in caso di trombosi arteriosa) o trombosi venosa e embolia polmonare (nel sistema venoso). Secondo la dott.ssa Falanga, la consapevolezza sulle trombosi venose è meno diffusa, ma queste rappresentano un rischio significativo, specialmente in situazioni come la gravidanza, il puerperio, periodi di immobilità a seguito di ricoveri, o in associazione con malattie infiammatorie croniche o neoplastiche.

La prevenzione è fondamentale e si basa su uno stile di vita sano, controlli regolari in caso di patologie come l’ipertensione o l’alto colesterolo e la consapevolezza dei fattori di rischio.

L’AIPA si impegna attivamente nella sensibilizzazione, specialmente tra coloro che richiedono terapie anticoagulanti. L’evento del 18 novembre vedrà la partecipazione di numerosi esperti nel campo, tra cui Luca Barcella, Gabriele Alari, Chiara Ambaglio, Roberto Labianca, Roberto Caccia, Andrea D’Alessio, Elio Staffiere e Luca Da Prada, seguiti da Valeria De Micheli che presenterà un progetto relativo a un centro trombosi in Africa.

Infine, la ricerca nel campo dei farmaci antitrombotici sta avanzando, passando dai tradizionali a quelli diretti, con l’obiettivo di scoprire nuovi inibitori che rappresentano la frontiera futura nel trattamento della trombosi.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Bergamo Tomorrow