Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Il 2 dicembre il Festival delle Buone Notizie: un raggio di positività

Attesa e grande curiosità per l'happening del prossimo 2 dicembre ospitato da Gres Art in via San Bernardino: il Festival delle Buone Notizie

Bergamo si sta preparando ad accogliere una manifestazione mai vista prima in Italia. Il 2 dicembre, con il patrocinio del Comune di Bergamo, Gres Art, l’area dedicata alle esibizioni artistiche dell’ex complesso industriale in fondo a via San Bernardino, accoglierà il primo Festival delle Buone Notizie. L’evento promette di offrire una boccata d’aria fresca in un mondo sovraccarico di informazioni, non sempre di segno positivo.

La genesi dell’evento:

In un’epoca in cui ci sentiamo costantemente bombardati da una cascata di informazioni, trovare un momento per concentrarsi sulle buone notizie può sembrare una sfida ardua. Ecco l’idea alla base del festival: fornire uno spazio dove la positività e l’ottimismo possano prosperare. Dalle ore 17 alle ore 24, con iscrizioni previste – lo dice il sito festivalbuonenotizie.it, che ha solo la home – dalle 18.30 del prossimo 2 ottobre.

Un evento interattivo

Si tratta di uno spettacolo dal vivo, dove 10 speaker offrono 10 buone notizie, ciascuna in soli 10 minuti. Questa esperienza speciale è riservata a 500 fortunati partecipanti di età inferiore ai 35 anni. Non solo ascolteranno notizie in modo divertente e irriverente, ma potranno anche immergersi in giochi e interagire con i contenuti godendosi i popcorn come al cinema.

Interagire e rispondere

Gli spettatori non saranno semplici osservatori. Avranno l’opportunità di rispondere ai contenuti in tempo reale, partecipando a sondaggi e annotando i loro pensieri attraverso un’applicativo dedicato all’evento, trasformando la loro esperienza in un diario personale di buone notizie.

Dietro le quinte

La mente creativa dietro questo innovativo formato è Guarda, una società di intrattenimento dal vivo fondata dai giovani imprenditori bergamaschi, Luca Andreini e Lorenzo Polimeno. Andreini sottolinea la missione del festival: “Non vogliamo solo creare un contenitore attraente, ma puntiamo a presentare contenuti profondi e significativi. E’ nostro dovere presentare argomenti complessi in modo accessibile e positivo. Non si tratta di evitare la realtà, ma di osservarla sotto una luce diversa”.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Giovane di 22 anni coinvolto in gravi reati sessuali minorili tramite piattaforma di gioco....
Fiamme sprigionate dai locali lavanderia e domate entro un'ora: al Policlinico San Pietro la gestione...
carabinieri
Da quanto emerso dalle indagini condotte dai carabinieri, la vittima, una donna italiana di 42...
Se la revoca dell'ordinanza rappresenta una vittoria per i locali della movida, il sindaco sottolinea...

La Regione Lombardia ha stanziato un “pacchetto” di 6,2 milioni di euro per la manutenzione...

Bergamo Tomorrow