Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Zanini non basta: AlbinoLeffe ko a Mantova dall’ex Possanzini

Matteo Zanini pareggia subito il vantaggio precoce del futuro doppiettista Brignani, ma i seriani si perdono Galuppini senza recuperare più

Due colpi di testa e una distrazione difensiva a pelo d’erba sono stati fatali all’AlbinoLeffe al cospetto della primatista insieme al Padova nel Girone A di Serie C allenata dal grande ex Davide Possanzini. Il Mantova ha dato prova di solidità chiudendo sul 3-1 una sfida equilibrata almeno nella prima parte del primo tempo. La partita ha visto momenti intensi e squilli significativi, tra cui quelli del doppiettista della quinta giornata al “Danilo Martelli”.

I protagonisti e i momenti salienti

Sin dall’inizio, Brignani ha impressionato con la sua capacità di sfruttare le occasioni, riuscendo a segnare grazie a un assist preciso di Burrai dalla bandierina. Stessa dinamica ma di piede e, soprattutto, rimasta unica per Zanini, che grazie a un’azione avviata da Gusu, con Arrighini virato a destra per l’assist vincente, ha infilzato la rete altrui per il temporaneo e illusorio 1-1 appena due giri di lancette dopo il vantaggio di casa. Secondo gol di fila dopo quello nel 3-1 alla Pro Patria mercoledì scorso per la prima vittoria bluceleste in campionato. Nonostante le premesse iniziali, la difesa del Mantova si è rivelata forte e determinata, con Festa protagonista di una prestazione attenta.

Le reti del Mantova

Dopo un avvio combattuto e Arrighini (6′) ad alzare la conclusione su scarico di Gusu lungo l’apertura di Zoma, il più vivace dei seriani, al rientro dall’intervallo il Mantova ha preso il sopravvento con Galuppini, assistito dalla sinistra da Muroni che evitando Milesi centra per il nuovo vantaggio e Brignani che incorna la palla di Burrai, stavolta da sinistra e su azione.

L’AlbinoLeffe e le sue chances

Al 7′, in attesa dell’apertura dello score, miracolo di Festa sullo sbrego a difesa schierata sul taglio & sinistro dell’esperta punta pisana citata in testa al paragrafo precedente, suggerito dal futuro eroe dell’impattata bluceleste, bravo a finalizzare col sinistro incrociato e baciato dal palo interno. A metà primo tempo, proprio l’autore di due delle tre reti virgiliane s’immola per stoppare l’occasione di Doumbia su passaggio di Zoma, che sotto 2-1 a 10′ dal 90′ reclamerà per un contatto piede-a-piede con Burrai all’intersezione sinistra dell’area col fondo. In fuorigioco, invece, l’occasione sempre nella ripresa di Carletti che al 32′ riceve dal compagno di linea impegnando Festa: gioo fermo. Al 3′ di recupero, la staffilata di capitan Borghini chiama alla presa plastica il baluardo avversario.

Il Mantova si guadagna la vittoria

I locali, comunque, sul piano delle palle gol hanno più che doppiato i bergamaschi, al secondo ko su 5 giornate dopo quello interno con la Triestina. A una decina dall’intervallo, la girata di Mensah su assist del futuro autore del vantaggio definitivo. Se Borghini non si distrae per riservarsi l’ultima parola nel flipper con la sua difesa del trio Burrai-Galuppini-Panizzi (39′), a un settebello dalla pausa è Fiori (a piede invertito, come l’omologo a destra) a metterci un passo di troppo per essere pericoloso sul tracciante della sua ala destra.

Ripresa: fatale il calo bergamasco

Radaelli alle soglie del riposo suggerisce per il liscio di due terzi del reparto offensivo locale cominciano poi la seconda frazione a trazione anteriore. Il terzino destro mantovano cambia fronte per esplodere il sinistro nella curva ospite (5′) per poi spararla appena alta di seconda con l’estremità giusta sugli sviluppi di uno schema del suo specialista. Al decimo è Marchetti a sfiorare l’autorete deviando il cross di Panizzi prima della pretenziosa rovesciata di Trimboli priva di esito. Marietta dice di no al nuovo ascensore di Brignani su punizione del solito Burrai, prove generali di 3-1 che però avviene in movimento con un corner corto da sinistra per lo stacco che chiude la pratica. In classifica bergamaschi sempre a 4 punti e attesi alla sfida del sabato allo Stadium di Zanica col Legnago Salus.

Mantova – AlbinoLeffe 3-1 (1-1)
MANTOVA (4-3-3):
Festa 6,5; Radaelli 7 (25′ st Maggioni 6), Redolfi 6, Cavalli sv (11′ Brignani 7,5), Panizzi 5,5; Trimboli 6 (33′ st Debenedetti sv), Burrai (cap.) 7, Muroni 6,5; Galuppini 7 (26′ st Bragantini 6,5), Mensah 6, Fiori 6 (33′ st Giacomelli sv). A disp.: Sonzogni, Napoli, Celesia, Bani, Wieser, Suagher, Argint, Castellani. All.: Davide Possanzini 7.
ALBINOLEFFE (3-5-2): Marietta 7; Borghini (cap.) 5,5, Marchetti 5, Milesi 4; Gusu 6, Doumbia 6, Brentan 5,5 (12′ st Genevier 5,5), Zanini 6,5, Gatti 6 (25′ st Munari 6); Zoma 6,5, Arrighini 6,5 (25′ st Carletti 5,5). A disp.: Pratelli, Moleri; Piccoli, Toccafondi, Angeloni, Muzio, Allieri, Longo, Agostinelli. All.: Giovanni Lopez 5,5.
Arbitro: Silvestri di Roma-1 6 (Robilotta di Sala Consilina, Roncari di Vicenza; IV Frascaro di Firenze).
RETI: 12′ pt Brignani (M), 15′ pt Zanini (A), 21′ st Galuppini (M), 42′ st Brignani (M).
Note: mezza sera serena, spettatori 2 mila circa. Ammoniti Redolfi, Brignani, Marchetti e Zoma per gioco scorretto. Tiri totali 17-7, nello specchio 7-3, parati 4-2, respinti/deviati 5-1. Corner 8-3, recupero 3′ e 4′.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un pari prezioso che però non riallunga la coperta a un AlbinoLeffe in emergenza: mancano...
Blucelesti in maglia rosso-gialla ko a Legnago: e dire che solo 6 giorni prima avevano...
La Bluceleste inizia il 2024 impattando in casa senza reti con l'ambizioso Vicenza del bergamasco...

Lumezzane (Brescia) – A Lumezzane si fa male anche Gusu, il suo sostituto Toccafondi fallisce...

Meda (Monza e Brianza) – Terzo successo fuori casa, sesto totale, sorpasso in classifica al...

Negli spogliatoi del Centro Sportivo “Ambrogio Mazza” di Treviglio, la caldaia malfunzionante sta causando notevoli...

Bergamo Tomorrow