Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

L’AlbinoLeffe non segna ma strappa il punticino

Come strappare il punticino, il sesto sui dieci appena raggiunti in altrettanti turni, col terzo digiuno in campionato, il quarto totale. Un AlbinoLeffe spuntato inforca gli occhiali al “Città di Gorgonzola” sul campo della Giana Erminio, palesando i soliti problemi di concretezza e peso davanti, anche a fronte della squalifica di Longo e dell’assenza di Carletti. Per soprammercato, uno degli elementi migliori, la mezzala sinistra Zanini, si fa male al quarto d’ora e deve farsi sostituire da Doumbia.

Primo tempo: la Giana sfiora il vantaggio più volte

Si inizia bene ma si prosegue e finisce maluccio nel preserale in Martesana. Al botta e risposta al 6′ tra Arrighini, veramente solo all’eccesso per tutta la partita o quasi, dritto per dritto dal rilancio-tamponamento dell’infortunato precoce (anticipato Lamesta) sui guantoni nemici e disturbato dalla metà sinistra della retroguardia di casa, e Franzoni, servito dall’altro lato per una sparata sull’esterno della rete, fa seguito ancora una chance per il pisano, che taglia bene verso il primo palo mettendo però fuori bersaglio la palla dall’out di Gusu. Siamo al giro di lancetta numero 18, un tris dopo l’uscita anticipata di Zanini, sostituito da Doumbia, e un paio prima del cabezazo molle servito da destra a Fall, contrastato benone da Borghini, con la risposta mancina un po’ strozzata di Brentan dal limite su scarico proprio del nuovo entrato.

Si stringono i denti

Dietro si balla un po’, leggi flipper a metà frazione Barzotti-Franzoni-Milesi (alleggerimento di testa) con l’attrezzo che resta a disposizione del secondo, letteralmente murato da Marietta in uscita tempestiva (23′). I break si colorano anche di rosso, ma Muzio si scorda della sfera di cuoio al culmine di una fuga solitaria. Occhio agli spioventi da sinistra a destra, nonché agli ascensori verso il legno lontano: Fumagalli murato in angolo, Pinto (32′) sulla terza palla concessa dalla bandierina la (2′) piazza fuori di un metro a scendere, Barzotti che se la fa pennellare da Lamesta per schiacciarla tra le manone del portiere bluceleste (34′).

Ripresa, si fa per dire

Se il fendente entro le ventina del mediano destro locale, che pare un trequartista o un’ala al cospetto di una Bluceleste in rosso sempre arroccata e bassina, fa calare il sipario sul primo tempo a recupero appena cominciato, la ripresa s’avvia con la discesa lunghissima di Borghini che impegna in angolo prima dell’ingresso in area la difesa della Martesana (2′). Niente di niente, al netto del forcing seriano a braccetto destro sempre alzato, fino alle soglie del quarto d’ora lungo la ripartenza Barzotti-Fumagalli con tiro che non scende abbastanza.
Scollinato il ventesimo Marchetti la lascia lì per il secondo dei succitati, aduso ad accentrarsi per l’ennesimo regalo deviato in fallo di fondo. Quando il baricentro resta schiacchiato, il rischio è dietro l’angolo, anche se definire tale la loffia del subentrato Verde (26′), che non deve scomodare l’ex alessandrino più di tanti, è una chimera. Ci si mette pure l’arbitro, che alla mezzora ferma l’asse Borghini-Zoma per sanzionare la diagonale fallosa di Ceferri senza concedere il vantaggio. Che non arriva nel punteggio nemmeno poco dopo, perché Brentan, di seconda, non ha mira sul quarto schema dall’angolo di Genevier. A nove sinfonie dal novantesimo sbucca Marotta che si trova l’attrezzo troppo sotto, anche se il centravanti-backuo glielo ammolla sul mancino, e centra l’ultimo baluardo. Bene così. Si fa per dire.

Giana-AlbinoLeffe 0-0, il tabellino

Giana Erminio – AlbinoLeffe 0-0
GIANA (4-2-3-1):
Zacchi 6; Caferri 6, Piazza 6, Previtali 6,5, Groppelli 6; Franzoni 6,5, Pinto (cap.) 6,5 (8′ st Ballabio 6); Lamesta 6, Barzotti 6,5 (14′ st Marotta 6), Fumagalli 7; Fall 5,5 (14′ st Verde 6). A disp.: 1 Pirola, 12 Magni; 4 Ferrante, 16 Colombara, 19 Francolini, 2 Boafo, 27 Corno, 10 Perna, 21 Messaggi, 70 Gotti. All.: Andrea Chiappella 6.
ALBINOLEFFE (3-5-2): Marietta 7; Borghini (cap.) 6,5, Marchetti 5,5, Milesi 6; Gusu 6,5, Brentan 5,5, Genevier 6, Zanini 6 (15′ pt Doumbia 5,5), Piccoli 5,5; Muzio 5,5 (18′ st Zoma 5,5), Arrighini 6. A disp.: 1 Pratelli, 12 Moleri; 2 J. Gelli, 44 Gatti, 95 Agostinelli, 17 Toccafondi, 21 Poletti, 27 Munari, 19 Angeloni, 42 Allieri. All.: Giovanni Lopez 6.
Arbitro: Restaldo di Ivrea 6 (Voytyuk di Ancona, Bianchini di Perugia; IV Muccignato di Pordenone).
Note: serata uggiosa, spettatori 445 di cui 290 paganti per un incasso di 1.430 euro. Ammoniti Caferri e Borghini per gioco scorretto. Occasioni da gol 9-5, tiri totali 13-7, parati 5-2, respinti/deviati 4-0. Corner 5-4, recupero 3′ e 4′.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un pari prezioso che però non riallunga la coperta a un AlbinoLeffe in emergenza: mancano...
Blucelesti in maglia rosso-gialla ko a Legnago: e dire che solo 6 giorni prima avevano...
La Bluceleste inizia il 2024 impattando in casa senza reti con l'ambizioso Vicenza del bergamasco...

Lumezzane (Brescia) – A Lumezzane si fa male anche Gusu, il suo sostituto Toccafondi fallisce...

Meda (Monza e Brianza) – Terzo successo fuori casa, sesto totale, sorpasso in classifica al...

Negli spogliatoi del Centro Sportivo “Ambrogio Mazza” di Treviglio, la caldaia malfunzionante sta causando notevoli...

Bergamo Tomorrow