Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Allerta valanghe: il risveglio bianco della montagna

Inverno e nevicate, ma non è tutto oro quel che luccica: se le temperature aumentano dopo abbondanti precipitazioni, la neve non si consolida

Un weekend ricoperto di neve: sfide e meraviglie

La montagna ha indossato il suo manto più spettacolare questo fine settimana, con accumuli di neve che hanno superato il metro in alcune zone, trasformando il paesaggio in un paradiso invernale per gli appassionati degli sport di stagione. Nonostante l’eccitazione per la nevicata più significativa di questa stagione atipica, l’abbondante coltre porta con sé anche un monito severo: il rischio di valanghe, un pericolo che gli amanti di sci ed escursioni non possono ignorare.

Il clima si fa sentire

Dopo una nevicata iniziata nella serata di giovedì, i dati di Arpa Lombardia evidenziano come, dalla mattinata di venerdì fino al primo pomeriggio di sabato, le aree montane abbiano registrato gli accumuli più rilevanti. Un lieve aumento delle temperature ha poi modificato lo scenario, innalzando la quota neve e modificando le condizioni sul terreno. Specificamente, si sono registrati cambiamenti significativi in punti come il Barbellino, dove la neve ha raggiunto i 95 cm, e il Fregabolgia, con 143 cm di neve fresca.

Caldo e freddo si alternano

Il rialzo termico generalizzato è stato confermato dai dati del Centro Meteo Lombardo, che ha mostrato un aumento delle temperature anche in quota. Nonostante ciò, nelle ore serali di sabato, alcune stazioni registravano ancora valori sotto lo zero. Questo mix di temperature ha contribuito a creare condizioni instabili sulle montagne, aumentando il rischio di distacchi valanghivi.

Un evento valanghivo da tenere d’occhio

Uno dei distacchi più notevoli è avvenuto domenica 11 febbraio, quando una valanga si è staccata dal crinale a monte del Passo della Manina, a circa 2.000 metri di quota. Con un fronte di oltre cento metri, questo evento ha evidenziato i rischi e la precarietà delle condizioni attuali delle distese nivee nelle zone montane.

Previsioni e precauzioni

Il bollettino valanghe di Arpa Lombardia segnala un pericolo marcato (grado 3 su una scala di 5) in diverse aree montuose, inclusi Orobie, Alpi Retiche e Adamello. Si raccomanda particolare cautela sui pendii esposti al sole, dove il manto nevoso, ancora debolmente consolidato, potrebbe facilmente distaccarsi anche con un minimo sovraccarico, generando valanghe di notevole dimensione.

La bellezza della neve fresca ha quindi il suo rovescio della medaglia, ricordandoci la necessità di un approccio prudente e informato alla montagna, soprattutto in presenza di condizioni meteorologiche così mutevoli.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il concerto "Pellegrini di pace - da Bergamo al Mediterraneo" nel prefestivo in seminario: conto...
Da giovedì anticiclone e smog cedono il posto a precipitazioni, freddo e vento anche nella...
Tre giovani orsi sulla Cima Blesi al Passo del Tonale: l'avvistamento di un alpinista-sciatore originario...
Eventi e appuntamenti di oggi a Bergamo e provincia: mercoledì 21 febbraio, l'agenda al completo...
I pompieri degli otto Comuni dell'Isola Bergamasca a un passo del trasferimento da Madone a...
Lo smog prosegue imperterrito, le misure pure: si pensa di implementarle adeguando ulteriormente le politiche...
Bergamo Tomorrow