Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Lutto per Giulia Cecchettin: Un’Italia unita per la richiesta di cambiamento

Dalla fiaccolata a Vigonovo alla mobilitazione studentesca a Roma, l'Italia si stringe intorno alla memoria di Giulia Cecchettin e contro la violenza sulle donne, mentre si avvia il processo di estradizione dell'accusato Filippo Turetta.

Gino Cecchettin, il padre di Giulia Cecchettin, ha espresso il suo dolore per la perdita della figlia in un breve comunicato ai media fuori dalla sua casa a Vigonovo. Le sue parole sono state piene di dignità e dolore, dice di non provare rabbia, che in questo momento è impossibilitato a provare qualsiasi sentimento. Il suo pensiero è fisso sulla sua Giulia che ora non c’è più e che già le manca.

La comunità di Vigonovo ha mostrato il suo sostegno e il suo lutto con una fiaccolata, a cui hanno partecipato anche i genitori dell’accusato. Anche a Padova si è tenuta una manifestazione, organizzata dalla sorella della vittima.

Nel frattempo, il tribunale regionale di Naumburg inizia a valutare la procedura di estradizione per Filippo Turetta, sospettato dell’omicidio di Giulia. Turetta, ventiduenne, ha già dato il suo consenso all’estradizione. La sua cattura è avvenuta vicino a Lipsia, dove è stato trovato senza soldi né carburante.

Gli studenti delle scuole superiori di Roma hanno tenuto un sit-in, esprimendo la loro solidarietà e chiedendo la fine della violenza contro le donne, con slogan come “Per Giulia e tutte. Mai più vittime! Liberiamoci dalla violenza. 25 novembre in piazza”. Queste azioni degli studenti a Roma riflettono una crescente mobilitazione contro i femminicidi in Italia, segnata dall’assassinio di Giulia Cecchetin. Gli studenti hanno pianificato ulteriori azioni di protesta, inclusa una “giornata di rabbia” nelle scuole e nelle università, culminando in una manifestazione nazionale il 25 novembre, organizzata dal gruppo “Non una di meno“.

Il movimento studentesco Osa ha espresso la sua frustrazione per l’omicidio di Giulia, una giovane donna sulla soglia della laurea, evidenziando come quest’atto di violenza sottolinei problemi più ampi nella società, come l’individualismo, la competizione, la sopraffazione, e le dinamiche patriarcali. Hanno anche criticato le strumentalizzazioni politiche del governo Meloni e di altri attori politici in Italia.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Bergamo Tomorrow