Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Rinascita di Palazzo Moroni, un capolavoro restaurato

Eredità culturale, Palazzo Moroni rinasce grazie al FAI

Dopo un meticoloso restauro, il Palazzo Moroni si rinnova, diventando una gemma di patrimonio nazionale sotto la custodia del Fondo Ambiente Italiano (FAI). Questo storico edificio del XVII secolo, situato nel cuore della Città Alta, ha riaperto completamente al pubblico, tre anni dopo l’inizio dei lavori di restauro.

Il palazzo, noto per la sua architettura e decorazioni interni, offre ora l’accesso a cinque stanze principali e al mezzanino, che include la cucina e gli appartamenti abitati fino al 2009 dall’ultimo discendente della famiglia Moroni. I restauri hanno restituito al palazzo il suo antico splendore, con il Presidente del FAI, Marco Magnifico, che lo descrive come irradiante “del calore e del colore che una casa merita”.

Dal 22 novembre, questo tesoro culturale di Via Porta Dipinta diventa un patrimonio condiviso da tutti gli italiani, grazie a un investimento di 1,8 milioni di euro da parte del FAI.

Il FAI ha acquistato una parte significativa del Palazzo, che era precedentemente gestito dalla Fondazione Museo di Palazzo Moroni. Questo lo rende il primo edificio in Italia di cui il FAI è effettivamente proprietario, marcando un momento storico per l’organizzazione e per il paese.

Questo palazzo, simbolo di eleganza e storia italiana, ospita opere d’arte, affreschi, un’imponente scalinata e collezioni di porcellane, rappresentando non solo un patrimonio di Bergamo, ma un tesoro nazionale.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un concerto straordinario in memoria di Marco Dell'Oro e per una nobile causa...
Bergamo Tomorrow