Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Armonie dell’eccellenza, sinfonie al Donizetti

L'incontro di talento e maturità nel cuore del Politecnico delle Arti

La rappresentazione musicale presso il Teatro Donizetti, organizzata dal Conservatorio, ha evidenziato come l’eccellenza e l’esperienza possano esistere simultaneamente.

Questa manifestazione è stata parte integrante di “Tono”, l’avanguardistico festival inaugurato dal Politecnico delle Arti. L’apertura dell’anno accademico 2023/2024 è stata celebrata con un toccante scambio di gesti tra il promettente pianista Daniele Martinelli, recente vincitore del XVI Premio Nazionale delle Arti e del riconoscimento «Lombardia è Musica», e il rinomato Maestro Roberto Frattini, direttore dell’Orchestra del Conservatorio.

La serata si è conclusa con un’ovazione unanime per una prestazione che ha sorpreso l’auditorio. Martinelli ha esibito non solo una maestria tecnica e un’energia genuina ma anche una profonda capacità interpretativa, in particolare nella sua esecuzione del Concerto n.2 in Fa minore per pianoforte e orchestra, op. 21 di Chopin, rivelando i più intimi sentimenti umani attraverso la musica: finezza, ardore e un’ammirazione per la vita e la sua bellezza.

La serata ha visto brillare anche altri solisti eccezionali. Andrea Baiocco, fagottista e vincitore del Premio Nazionale delle Arti, ha dimostrato eccellenza professionale, distinguendosi per la sua esecuzione cristallina e tecnicamente impeccabile, interpretando un concerto attribuito a Gioacchino Rossini, mettendo in luce la maestria compositiva dell’autore e la vivacità ritmica dell’opera.

Elogi sono dovuti pure a Alessia Scilipoti al flauto e a Francesco Maffei al trombone, che hanno interpretato rispettivamente pezzi di Wolfgang Amadeus Mozart (Rondò in Re Maggiore per flauto e orchestra) e Leopold Mozart (Concerto per trombone alto e orchestra).

Questi quattro talenti, discepoli del Conservatorio, hanno dimostrato un’intesa eccezionale con l’orchestra, magistralmente preparata da Pierantonio Cazzulani (archi) e Marco Ambrosini (fiati). Daniela Giordano, pianista e direttrice del Politecnico delle Arti, ha sottolineato la singolarità e l’interesse del programma scelto, che non solo rispecchia l’essenza dell’istituto, inteso come luogo di convergenza tra diverse forme artistiche e linguistiche, ma passa anche attraverso la leggiadria e l’ingegnosità mozartiana, l’arguzia di Leopold, fino a toccare l’animo e l’immaginazione di Chopin.

Il concerto al Teatro Donizetti ha rappresentato uno degli appuntamenti più attesi di “Tono”, il primo festival del suo genere organizzato dal Politecnico delle Arti di Bergamo, un’istituzione unica nel panorama italiano dell’Alta Formazione Artistica e Musicale, nata nel 2023 per Decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca. Questa istituzione si pone come punto d’incontro tra il Conservatorio Gaetano Donizetti e l’Accademia delle Belle Arti Giacomo Carrara. “Tono festival”, nato dall’intuizione di Daniela Giordano e Francesco Pedrini, vicedirettore del Politecnico, simboleggia la sinergia tra le due istituzioni, enfatizzando il loro impegno nel promuovere relazioni e scambi culturali.

Questa innovativa collaborazione mira a esplorare e arricchire i metodi didattici, integrando linguaggi artistici diversificati per arricchire gli itinerari formativi degli studenti, non limitandosi a formare artisti e musicisti, ma veri e propri esperti culturali a tutto tondo. Un impegno che pone Bergamo in una posizione di avanguardia in un periodo di trasformazione significativa. Questa iniziativa ha ricevuto l’attenzione e il sostegno nazionale, come evidenziato dalle parole di Alessandra Gallone, delegata AFAM del Ministero dell’Università e della

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dal 3 all'11 febbraio, tra Daste e Teatro Donizetti, esibizioni, elevazioni, mostre, incontri e docufilm...
Innovazione e tradizione: Bergamo Jazz 2024 lancia la sua line-up stellare...

Omero, il “padre e principe di tutti i poeti del mondo” come Leopardi lo definì,...

Nonostante i fischi, imprenditore dona biglietti a studenti per l'opera "Il diluvio universale"...
Bergamo Tomorrow