Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Dissesto idrogeologico: soldi dal Pirellone per le comunità montane

182 mila euro sui 637 mila complessivi stanziati dalla Giunta Regionale: le 5 Comunità Montane di casa nostra recitano la parte del leone

Le cinque Comunità Montane della Provincia di Bergamo sono il piatto forte degli investimenti del Pirellone in termini di messa in sicurezza e manutenzione delle risorse del territorio, soprattutto idriche. Un totale di 181.832 euro sui 637 mila stanziati dalla Giunta Regionale per prevenire il dissestro idrogeologico tra Valle Brembana (39.831 euro), Valle Seriana (40.467 euro), Laghi Bergamaschi (19.534 euro), Valle Imagna e Val di Scalve (11 mila ciascuna).

Lobati (Bergamo, Forza Italia: segnale per le Comunità Montane

“Dalla Regione un segnale positivo nei confronti dei territori delle Comunità Montane che, proprio come le nostre Valli Bergamasche, sono tanto belli quanto fragili dal punto di vista idrogeologico. Con questi interventi di prevenzione e manutenzione si compie quindi un altro importante passo per garantire la sicurezza dei territori e dei suoi cittadini”. Questa è la posizione del consigliere regionale di Forza Italia, il bergamasco Jonathan Lobati, sindaco di Lenna in sospensione dalla carica per incompatibilità col doppio ruolo.

637 mila euro in difesa dei territori montani

La Regione Lombardia ha approvato uno stanziamento di 637mila euro per la manutenzione ordinaria dei principali corsi d’acqua nelle comunità montane. La decisione è frutto di una proposta congiunta dell’assessore al Territorio e Sistemi Verdi, Gianluca Comazzi, e dell’assessore agli Enti Locali, Montagna, Risorse Energetiche e Utilizzo delle Risorse Idriche, Massimo Sertori. Questa iniziativa vedrà tutte le 23 comunità montane lombarde beneficiarie dei fondi.

Verso una maggiore resilienza territoriale

Gianluca Comazzi ha evidenziato l’importanza di questo finanziamento come un “ulteriore e concreto passo” verso la protezione delle comunità locali. Gli investimenti saranno utilizzati per la prevenzione e la mitigazione dei rischi associati al dissesto idrogeologico. Questo comprende la riparazione e la manutenzione di corsi d’acqua, argini e, più in generale, infrastrutture di difesa del suolo. Comazzi ha sottolineato che per la Regione Lombardia la prevenzione del dissesto in un’area delicata come la loro è essenziale.

La prevenzione come strumento di risparmio

Massimo Sertori ha sottolineato l’importanza dell’investimento nella manutenzione ordinaria, che non solo aumenta la sicurezza del territorio ma riduce anche la necessità di interventi straordinari post-emergenza, che potrebbero costare notevolmente di più. Ha fatto appello per un cambiamento nella natura della spesa per la manutenzione ordinaria, in modo da poter investire di più e ridurre i rischi per il territorio.

Distribuzione dei fondi tra le comunità montane

Gli stanziamenti saranno divisi tra le province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Pavia, Sondrio e Varese. Questi comprendono investimenti in aree come Valle Brembana, Valle Camonica, Valli del Lario e del Ceresio, Valsassina, Oltrepò Pavese e molte altre. La selezione delle azioni da intraprendere viene sempre determinata in collaborazione tra le Comunità Montane e le Autorità idrauliche competenti sul territorio (UTR – AIPo; Uffici Territoriali Regionali – Agenzia Interregionale per il fiume Po).

Provincia per provincia: dissesto e Comunità Montane

Provincia di Brescia: Valle Camonica (78.232mila euro), Sebino Bresciano (11.000 euro), Valle Trompia (23.455,00 euro), Parco Alto Garda Bresciano (22.938,00 euro), Valle Sabbia (34.044,00 euro). Provincia di Como: Valli del Lario e del Ceresio (26.814,00 euro), Lario Intelvese (11.782,00 euro), Triangolo Lariano (15.552,00 euro). Provincia di Lecco: Valsassina – Valvarrone – Val d’Esino – Riviera (22.689,00 euro), Lario Orientale – Valle San Martino (14.971,00). Provincia di Pavia: Oltrepò Pavese (29.453,00 euro). Provincia di Sondrio: Alta Valtellina (55.142,00 euro), Valtellina di Tirano (27.783,00 euro), Valchiavenna (35.452,00 euro), Valtellina di Sondrio (46.600,00 euro), Valtellina di Morbegno (30.518,00 euro). Provincia di Varese: Piambello (11.000 euro), Valli del Verbano (18.594,00 euro).

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Devozione plurisecolare e abilità artigianale si fondono nell'apparato del Triduo in Basilica a Gandino ...
Il concerto "Pellegrini di pace - da Bergamo al Mediterraneo" nel prefestivo in seminario: conto...
Da giovedì anticiclone e smog cedono il posto a precipitazioni, freddo e vento anche nella...
Tre giovani orsi sulla Cima Blesi al Passo del Tonale: l'avvistamento di un alpinista-sciatore originario...
Eventi e appuntamenti di oggi a Bergamo e provincia: mercoledì 21 febbraio, l'agenda al completo...
I pompieri degli otto Comuni dell'Isola Bergamasca a un passo del trasferimento da Madone a...
Bergamo Tomorrow