Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Alzano Maggiore: la Fontana della Comunità benedetta l’11 novembre dall’arcivescovo di Milano

Sarà benedetta dall’arcivescovo di Milano Mario Delpini, il prossimo sabato 11 novembre, festa patronale di Alzano Lombardo, la Fontana della Comunità sorta di fronte alla Basilica di San Martino vescovo ad Alzano Maggiore. Un gesto per coltivare la memoria, perché concepito per rendere onore alle vittime della pandemia di Covid-19 a simbolo della resilienza collettiva.

La Fonata-tributo alla resilienza

Il cuore pulsante di Alzano Lombardo si arricchisce con un’opera significativa: un gruppo scultoreo collocato nella piazza principale, proprio davanti alla basilica di San Martino. L’artista bergamasco Franco Travi è l’autore di questo commovente tributo, che si compone di tre figure emblematiche: un anziano, simbolo delle innumerevoli vite toccate dalla pandemia; un uomo giovane, rappresentante lo spirito di servizio e di soccorso; e una bambina, metafora di speranza e di rinascita. È proprio dalle mani della bambina che sgorga l’acqua, elemento vitale che raffigura la continuità e la rigenerazione.

Il cuore della comunità in una Fontana

La piazza Italia accoglie così la “Fontana della comunità”, una creazione artistica dalla forma circolare con cinque getti d’acqua che rappresentano le cinque anime di Alzano Lombardo: Alzano Maggiore, Nese, Alzano Sopra, Olera e Monte di Nese. Questa vasca non è solo un piacere estetico, ma un luogo di incontro e di memoria, un punto di riflessione sull’importanza della coesione sociale davanti alla sfida globale che è stata la crisi sanitaria.

Una celebrazione condivisa

Il progetto ha visto la luce grazie al supporto e all’impegno congiunto della Pro Loco, degli Alpini, della Protezione volontaria civile di Alzano e di altri gruppi e fondazioni locali. Il lavoro di quasi un anno culminerà nell’inaugurazione, prevista per l’11 novembre, coincidente con la festa patronale e un anno dopo la costituzione del Comitato promotore. I nomi dei generosi donatori troveranno posto su una pergamena, simbolo di gratitudine, che sarà inserita all’interno della scultura.

Un investimento nella cultura e nella memoria

La realizzazione di questa fontana ha richiesto un investimento notevole, circa 135 mila euro, dimostrando la forte volontà della comunità di Alzano di onorare coloro che hanno sofferto durante la pandemia e di immortalare lo spirito di solidarietà che ha caratterizzato quei tempi difficili. A oggi, quasi l’intera somma è stata raccolta, evidenziando l’incredibile supporto della cittadinanza.

L’arte che unisce

Prima di dar vita alla scultura, Travi ha presentato diversi bozzetti, selezionati poi con cura da una commissione di esperti di arte. Il progetto finale è stato approvato dalla Soprintendenza delle belle arti, assicurando che l’opera fosse in linea con gli standard estetici e culturali richiesti per un’installazione di tale importanza. Con la sua “Fontana della comunità”, Alzano Lombardo non soltanto ricorda chi ha perso la vita a causa del Covid-19, ma innalza anche un simbolo duraturo di resilienza comunitaria, speranza e rigenerazione. Un ricordo perenne che, attraverso l’arte, consolida i valori di un’intera comunità pronta a guardare al futuro senza dimenticare il passato.

Due sabati di celebrazioni patronali

La festa di San Martino di Tours, il cui culto ad Alzano Maggiore ha appena compiuto un millennio e la cui basilica dedicata il centenario, comincia in realtà già il sabato prima, il 4 novembre. In basilica, il Concerto di San Martino, a cura delle corali parrocchiali “San Martino Vescovo” di Alzano Maggiore, “San Lorenzo martire” di Alzano Sopra e “Beato Tommaso da Olera” dell’omonima frazione, con la partecipazione dell’Orchestra d’Archi “Città di Dalmine”. Venerdì 10 novembre, sempre nel luogo sacro, le testimonianze (20.30) di carità dal mondo del carcere. L’11, infine, la solennità di San Martino, con la Santa Messa alle 8 e la benedizione della Fontana della Comunità alle 9.30 del metropolita di Sant’Ambrogio; seguiranno la messa solenne dello stesso Delpini (10.30) e quella nel pomeriggio (16.30) del vicario generale monsignor Davide Pelucchi.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

La 1 dell'Atb Città Alta-Aeroporto sovraccarica di studenti in libera uscita il sabato: difficile salire...
L'incontro delle Confraternite della Val Gandino ha aperto le celebrazioni del Triduo dei Morti...
Bus sostitutivi del treno sospeso (fino a fine lavori per il raddoppio con Ponte) anche...
L'esponente del Pd accusa la controparte di voler fare il "sindaco part time", trovando una...
Il caleidoscopio di appuntamenti ed eventi del fine settimana inizia con un sabato a maglie...
Bergamo Tomorrow