Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Commercio: vendite in calo, i saldi possono attendere

Allarme dal mondo del commercio al dettaglio: l'autunno caldo e l'inflazione hanno significato un calo, calendario dei saldi da rivedere

Nel cuore pulsante dell’industria del retail, i commercianti di abbigliamento lanciano un segnale d’allarme: un autunno inaspettatamente caldo e l’escalation dell’inflazione stanno riducendo drasticamente il potere d’acquisto delle famiglie e, di conseguenza, le vendite stagionali. Di fronte a questa situazione critica, la Fismo-Confesercenti ha avanzato una proposta audace: ritardare l’inizio dei saldi invernali.

Il commercio al dettaglio alle prese col calo

Le temperature miti hanno raffreddato l’entusiasmo per l’acquisto di capi autunno-inverno, con i dettaglianti che segnalano un preoccupante calo delle vendite, in alcuni casi fino al 20% in meno rispetto all’anno precedente. Questa tendenza non solo mette a dura prova i negozianti, ma evidenzia una sfasatura crescente tra le abitudini di consumo e il cambiamento climatico.

L’appello alla politica: il posticipo dei saldi

Benny Campobasso, a capo della Fismo – Federazione Italiana Settore Moda Confesercenti, non si è limitato a diagnosticare la problematica, ma ha attivamente sollecitato una revisione della programmazione dei saldi attraverso un appello diretto a Massimiliano Fedriga, Presidente della Conferenza Stato-Regioni. L’idea alla base della richiesta è semplice: concedere ai commercianti più tempo per vendere la merce a prezzo pieno prima di introdurre i saldi di gennaio, che arrivano troppo presto per permettere una sana gestione del magazzino e dei profitti.

Le necessità dei piccoli negozi

Questa manovra potrebbe non solo aiutare a ristabilire un equilibrio nelle vendite ma anche a mettere i piccoli negozi di vicinato in una posizione più competitiva. Attualmente, questi esercizi si trovano a competere in una corsa impari con la grande distribuzione e le onnipresenti piattaforme di e-commerce, che, grazie alle economie di scala, riescono a proporre prezzi allettanti, beneficiando inoltre di un regime fiscale meno oneroso e di costi operativi ridotti.

I consumatori alla prova del dettaglio

È un momento di riflessione cruciale per il settore del commercio al dettaglio, che deve navigare nelle incertezze dei fattori esterni come le condizioni meteorologiche e le pressioni economiche. La proposta di Fismo-Confesercenti potrebbe rappresentare un passo significativo verso una strategia di vendita più flessibile e adattiva, capace di rispondere efficacemente ai cambiamenti del mercato e alle esigenze dei consumatori.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

La 1 dell'Atb Città Alta-Aeroporto sovraccarica di studenti in libera uscita il sabato: difficile salire...
L'incontro delle Confraternite della Val Gandino ha aperto le celebrazioni del Triduo dei Morti...
Bus sostitutivi del treno sospeso (fino a fine lavori per il raddoppio con Ponte) anche...
L'esponente del Pd accusa la controparte di voler fare il "sindaco part time", trovando una...
Inflazione allo 0,7% col segno più a Bergamo nel primo mese dell'anno nuovo: sotto la...
Bergamo Tomorrow