Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

“Ol prét di Bà”: Bani e Peia in pellegrinaggio a Roma

In pellegrinaggio a Roma, in San Pietro, il gruppo che unisce le comunità di Peia e Bani di Ardesio nel ricordo di don Francesco Brignoli

“Ol prét di Bà” val bene un pellegrinaggio, Roma val bene l’amicizia fraterna che lega le due comunità della vita al servizio degli altri di don Francesco Brignoli. Nativo di Peia, per 43 anni parroco dei Bani, frazione di Ardesio.

Don Francesco Brignoli, una leggenda della fede

Una figura amatissima e carismatica in Val Seriana, il prete dei Bani, noto anche come “uomo dei miracoli” e pastore di riferimento non solo del borgo natìo e quello d’adozione, ma perfino per masse di fedeli che accorreva a lui da Svizzera, Francia, Belgio e Stati Uniti. Don Brignoli aveva fama di santo, anche se papa Giovanni XXIII, Angelo Roncalli da Sotto il Monte, l’unico pontefice bergamasco, nel ricordarlo preferiva sottolinearne l’essenza di “uomo della preghiera”. Oggi, nella frazione di Ardesio, ol Prét di Bà viene ricordato attraverso un monumento, un museo e un documentario realizzato dal regista e fotografo Giorgio Fornoni. Inoltre, alcuni dei suoi pronipoti vivono ancora a Peia.

Il significativo pellegrinaggio a Roma

Il recente pellegrinaggio a Roma, avvenuto tra il 22 e il 24 settembre, ha visto la partecipazione del Gruppo di volontari Peia-Bani, che hanno voluto onorare la memoria di don Brignoli. Questo viaggio spirituale li ha condotti non solo a Roma, ma anche alla Città del Vaticano. Hanno portato la loro passione e devozione in Piazza San Pietro, dove hanno partecipato all’Angelus di papa Francesco. Con divise giallo fluo e uno striscione rappresentativo, sono diventati un punto di riferimento visivo durante la trasmissione su Rai Uno.

Il viaggio condiviso per ol prét di Bà

Coordinato da Gerardo Bertocchi e Claudio Bosio, il gruppo ha avuto l’opportunità di vivere momenti profondi di condivisione. Grazie all’assistenza di padre Riccardo Regonesi, hanno visitato le catacombe di San Callisto, partecipato a una messa nei sotterranei di San Pietro e hanno condiviso un pranzo presso la Mensa dei Poveri di Roma.

La rinascita di una tradizione

L’origine del Gruppo Peia-Bani risale al 2009, quando l’allora parroco di Peia, don Giulivo Facchinetti, decise di riprendere la tradizione che vedeva i fedeli di Peia fare un pellegrinaggio a Bani di Ardesio in memoria dell’illustre e amatissimo compaesano. Questo pellegrinaggio, come spiega Bosio, è diventato un evento annuale che si svolge ogni ultimo sabato di giugno, e rappresenta un’esperienza di fede che ogni anno offre un rinnovamento spirituale ai partecipanti.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'incontro delle Confraternite della Val Gandino ha aperto le celebrazioni del Triduo dei Morti...
Il caleidoscopio di appuntamenti ed eventi del fine settimana inizia con un sabato a maglie...
Il premio assegnato dal club valgandinese vede protagonista, il prossimo 19 marzo, il vertice societario...
Un milione e mezzo di aiuti all'Ucraina. La presenza dei profughi e la associazioni coinvolte...
Devozione plurisecolare e abilità artigianale si fondono nell'apparato del Triduo in Basilica a Gandino ...
Bergamo Tomorrow