Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

“Parole che non conoscevo”: i pazienti oncologici si raccontano al Policlinico San Pietro

La lotta contro il cancro si arricchisce di una nuova e potente voce con la presentazione del libro “Parole che non conoscevo” di Anna Maria Lombardi. Quest’opera, a cura di una degli psicoterapeuti delle unità di oncologia interessate, rappresenta un viaggio attraverso l’arte e la parola, con l’intento di offrire conforto e comprensione a coloro che affrontano la malattia. La collezione di testi e immagini, frutto della creatività dei pazienti del Policlinico San Marco di Zingonia e del Policlinico San Pietro, è oggetto dell’incontro di stasera alle 20, presso il Centro Congressi del Policlinico di Ponte San Pietro.

Un libro, tante voci: i pazienti oncologi

L’edizione corrente del libro segue il successo del suo predecessore, pubblicato nel 2019, continuando a perseguire l’obiettivo catartico e terapeutico che ha contraddistinto la serie. Attraverso poesie, prosa, disegni e dipinti, i contributi riflettono non solo le battaglie personali contro la malattia ma anche i sentimenti universali di perdita e ricordo di coloro che hanno detto addio a familiari e amici.

L’arte come rifugio: le “Parole che non conoscevo”

Anna Maria Lombardi, psicologa e poetessa, ha dato vita a questo progetto come estensione del suo cammino personale e professionale nel dominio della malattia. Avendo affrontato il cancro personalmente, comprende profondamente il bisogno di esprimere il vortice emotivo che tale esperienza può suscitare. La sua visione per il libro era di creare uno spazio dove l’arte facilitasse la condivisione e l’empatia, sostenendo il percorso di guarigione interiore e collettiva.

Un invito all’espressione e alla solidarietà

Il nuovo volume, come ricordato in premessa, viene presentato in un incontro di letture e accompagnamenti musicali al Centro Congressi del nosocomio di Ponte San Pietro. L’evento è aperto a tutti, offrendo una piattaforma per l’espressione delle voci dei pazienti e la celebrazione della loro forza. Il ricavato del libro sarà devoluto all’associazione S.O.S., che contribuisce alla ricerca oncologica, evidenziando l’importanza di ogni acquisto nel sostenere questa causa vitale.

Oncologia e cultura

La comunità è invitata a partecipare all’evento di lancio, appunto stasera, domenica 12 novembre alle ore 20. Questa sarà un’occasione per connettersi con le narrazioni dei pazienti, per trovare ispirazione nelle loro opere e per sostenere la ricerca e il sostegno psicologico attraverso l’arte. La presentazione offrirà un momento di pausa riflessiva e di supporto attraverso l’arte, dimostrando che la cultura può diventare un veicolo potente per il cambiamento e la guarigione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

L'incontro delle Confraternite della Val Gandino ha aperto le celebrazioni del Triduo dei Morti...
Bus sostitutivi del treno sospeso (fino a fine lavori per il raddoppio con Ponte) anche...
L'esponente del Pd accusa la controparte di voler fare il "sindaco part time", trovando una...
Il caleidoscopio di appuntamenti ed eventi del fine settimana inizia con un sabato a maglie...
Piazzale Alpini, la recinzione pronta a maggio e i tre varchi: uno spazio che sarà...
Bergamo Tomorrow