Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Corteo contro i femminicidi: la chiamata ai “maschi” di Bergamo

L’incisiva dichiarazione del sindaco Giorgio Gori e dei membri maschili della sua giunta evidenzia un problema culturale radicato: la violenza contro le donne, una piaga che può culminare in femminicidio. Questa problematica non riguarda solo chi commette direttamente violenze fisiche, ma è intrinseca in una cultura di disparità e mancanza di rispetto. Si manifesta in varie forme: disparità salariale, minor rappresentazione femminile in posizioni di potere, mancanza di rispetto nelle relazioni interpersonali, molestie, e stereotipi dannosi che influenzano la percezione della società su uomini e donne.

La fiaccolata: solidarietà e sensibilizzazione

Venerdì 24 novembre, i cittadini di Bergamo sono invitati a una fiaccolata silenziosa per manifestare contro il femminicidio e la violenza sulle donne. Il raduno avrà inizio alle 18 a piazzale Marconi e il corteo è destinato a percorrere viale papa Giovanni XXIII, Porta Nuova, piazza Matteotti scorrendo davanti al Municipio fino a concludersi in piazza Pontida. Una manifestazione che non intende essere solo un atto simbolico, ma un passo fondamentale verso la sensibilizzazione e il cambiamento.

L’invito ai “maschi di Bergamo”

In modo particolare, l’invito è rivolto agli uomini di Bergamo. L’obiettivo è coinvolgere attivamente la metà maschile della popolazione nella lotta contro una cultura che troppo spesso li vede come perpetratori o complici silenziosi. È un appello a riconoscere, a prendere posizione e a modificare i comportamenti quotidiani che, anche involontariamente, possono alimentare il problema.

Educazione e cambiamento: i passi verso la soluzione

La lotta contro il femminicidio e la violenza sulle donne richiede un impegno collettivo e individuale, che parte dalla consapevolezza e si concretizza in azioni quotidiane. Gli organizzatori sottolineano l’importanza di questa presa di coscienza e della partecipazione attiva a iniziative come la fiaccolata, per manifestare un rifiuto unanime di una cultura che da troppo tempo opprime e danneggia le donne.

In conclusione, il messaggio è chiaro: è tempo di unire le forze, indipendentemente dal genere, per combattere una battaglia che ci riguarda tutti. La partecipazione alla fiaccolata di Bergamo non è solo un gesto simbolico, ma un impegno concreto per un futuro più equo e rispettoso.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un bar-ristorante per presidiare e animare il cuore della città...
E introduce il fotosegnalamento per rafforzare la sicurezza....
Devozione plurisecolare e abilità artigianale si fondono nell'apparato del Triduo in Basilica a Gandino ...
Il concerto "Pellegrini di pace - da Bergamo al Mediterraneo" nel prefestivo in seminario: conto...
Giovane di 22 anni coinvolto in gravi reati sessuali minorili tramite piattaforma di gioco....
Da giovedì anticiclone e smog cedono il posto a precipitazioni, freddo e vento anche nella...
Bergamo Tomorrow