Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Aeroporto e salute: convenzione e dati

Nessun allarme: risultati epidemiologici positivi Il direttore generale dell’Ats Bergamo, Massimo Giupponi, ha chiaramente affermato che, dal punto di vista epidemiologico, non c’è motivo di preoccupazione riguardo l’aeroporto. Nonostante i monitoraggi regolari, non sono emerse variazioni o dati che possano destare inquietudine.

Il Ruolo Attivo di Sacbo e Ats La società che gestisce l’aeroporto di Orio al Serio, Sacbo, sotto la guida del suo presidente, Giovanni Sanga, ha messo in evidenza l’importanza delle questioni ambientali e della sostenibilità. Collaborando con Ats, Sacbo ha avviato un’analisi epidemiologica per meglio comprendere la situazione, che va oltre i loro obblighi, evidenziando un impegno verso la tutela della salute pubblica.

Il passato e il futuro dei monitoraggi Tra il 2015 e il 2018, c’era già stato un monitoraggio focalizzato sull’area circostante l’aeroporto. I risultati non mostravano preoccupazioni rispetto ad altre porzioni del territorio bergamasco. Giupponi anticipa che i risultati dell’attuale convenzione saranno disponibili entro la fine di novembre e copriranno un periodo di 24 mesi.

Il monitoraggio condiviso Comuni contermini come Stezzano, Seriate e Orio al Serio, tra gli altri, sono coinvolti nella campagna di monitoraggio. Gli amministratori di queste aree, insieme ai membri del Comitato tecnico scientifico, collaboreranno attivamente per garantire una sorveglianza accurata. È interessante notare che l’Università della Bicocca, un prestigioso ateneo milanese, è anche partner nel progetto di monitoraggio.  Dieci i comuni coinvolti: Azzano San Paolo, Bagnatica, Brusaporto, Grassobbio, Lallio, Orio al Serio, Stezzano, Seriate, Treviolo e alcuni quartieri della zona Sud di Bergamo. I rispettivi sindaci (o loro rappresentanti) saranno invitati a fare parte del Comitato di monitoraggio che sarà composto anche dai membri del Comitato tecnico scientifico .

Focus sui parametri sanitari Le indagini non si limitano alla semplice mortalità. Includono patologie legate all’ambiente, come l’asma e i problemi respiratori, l’incidenza dei tumori e la correlazione con il consumo di determinati farmaci. Fortunatamente, come ha sottolineato Alberto Zucchi, direttore del servizio di epidemiologia di Ats, i dati finora raccolti non mostrano anomalie significative rispetto alla norma.

In conclusione, l’attenzione alla salute pubblica nelle vicinanze dell’aeroporto è chiaramente una priorità. Attraverso monitoraggi accurati e collaborazioni efficaci tra vari enti, l’obiettivo è garantire la sicurezza e il benessere dei residenti.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Venerdì 17 e sabato 18 maggio partono i primi 5 progetti di “Pensare come una...
La carenza di personale nella Polizia di Stato sta mettendo a rischio la sicurezza dei...
Una serata in biblioteca a Gandino, venerdì 17 maggio, per citare a esempio di convivenza...
Delegazione bergamasca partecipa al presidio di protesta a Milano contro la vendita di ulteriori quote...

Altre notizie

Bergamo Tomorrow