Bergamo Tomorrow
Accedi
Cerca
Close this search box.

Diga di Fosio: 10 milioni tra il Sebino e l’Oglio

La Diga di Fosio, in funzione tra il lago d'Iseo e l'Oglio dal 6 novembre di 90 anni fa, si rinnoverà entro la primavera del 2024: via ai primi lavori finanziati dal Pnrr

La celebre Diga di Fosio, testimone di quasi un secolo di sbarramento del lago d’Iseo dirimpetto al fiume Oglio a Sarnico, è pronta per una significativa trasformazione. Conosciuta per aver mantenuto la propria efficienza dall’esordio il 6 novembre 1933, questa infrastruttura è ormai avviata verso un’ambiziosa fase di rinnovamento. Il progetto si eleva a un valore di circa 10 milioni di euro e mira a rifondare integralmente la diga, dando vita a un moderno e rafforzato baluardo idrico.

Consolidamento e sicurezza: le priorità della Diga di Fosio

Con l’inizio programmato per gennaio, i lavori iniziali prevedono la sostituzione delle scale di accesso e la ristrutturazione della passerella che corona la diga. Questi interventi saranno seguiti da operazioni di perforazione e inserimento di barre in acciaio che collegheranno le strutture esistenti ai cassoni di fondazione, potenziando la resistenza complessiva dell’opera. Altri miglioramenti si concentreranno sulle parti sott’acqua, con palificazioni destinate a stabilizzare l’alveo, attualmente in attesa di fondi per la loro realizzazione.

Il finanziamento del progetto: un impegno progressivo

Il primo step del progetto ha goduto di un impulso finanziario da un milione e 150mila euro, elargito dal Pnrr, ponendo le basi per le successive fasi di sviluppo. Il Consorzio dell’Oglio, responsabile della gestione idrica del Sebino proprio alla confluenza con l’omonimo fiume che ne è l’emissario, attende ora il resto del finanziamento per completare l’opera. Parallelamente, il consorzio porta avanti iniziative come il rifacimento della casa di guardia e la creazione di una nuova scala di rimonta per i pesci, testimonianza dell’impegno continuo verso il territorio.

Interventi sulla struttura esistente

Il disegno definitivo della diga illustra un ampio intervento sulla traversa fluviale, un progetto originariamente orchestrato dall’ingegner Gaetano Ganassini. La sostituzione delle paratoie esistenti e la modernizzazione dei meccanismi di controllo, passando da un sistema idraulico a uno elettromeccanico, rappresentano alcuni tra i più rilevanti aggiornamenti previsti.

La funzione  della Diga di Fosio

Il ruolo della diga va ben oltre la semplice raccolta d’acqua: essa è vitale per la regolazione del Sebino, per l’irrigazione agricola, la produzione di energia idroelettrica e il turismo. I lavori in corso non solo aumenteranno la sicurezza strutturale ma amplieranno anche le sue funzioni economiche e ricreative, consolidando il suo contributo essenziale per la regione.

Progetti complementari e visione futura

Mentre il rifacimento della casa di guardia si concluderà nella primavera del 2024, il Consorzio è già all’opera per migliorare l’ecosistema del lago con il completamento della scala per i pesci. Questi sforzi congiunti dimostrano un approccio olistico alla gestione delle risorse idriche e alla preservazione ambientale.

Con la direzione esperta del Consorzio dell’Oglio e l’uso mirato dei fondi Pnrr, la diga di Fosio è destinata a rivivere come simbolo di innovazione e salvaguardia ambientale. Il suo futuro, forte di tecnologie avanzate e di un design rinnovato, si prospetta all’insegna della resilienza e della sostenibilità.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il concerto "Pellegrini di pace - da Bergamo al Mediterraneo" nel prefestivo in seminario: conto...
Da giovedì anticiclone e smog cedono il posto a precipitazioni, freddo e vento anche nella...
Tre giovani orsi sulla Cima Blesi al Passo del Tonale: l'avvistamento di un alpinista-sciatore originario...
Eventi e appuntamenti di oggi a Bergamo e provincia: mercoledì 21 febbraio, l'agenda al completo...
I pompieri degli otto Comuni dell'Isola Bergamasca a un passo del trasferimento da Madone a...
Lo smog prosegue imperterrito, le misure pure: si pensa di implementarle adeguando ulteriormente le politiche...
Bergamo Tomorrow